Innovazione indispensabile per un nuovo modello di sviluppo

Innovazione indispensabile per un nuovo modello di sviluppo

Si è svolta oggi la prima giornata del Forum Energetico Internazionale di Pisa che ha messo in luce la necessità di creare un nuovo modello di sviluppo del mercato energetico: bisogna investire nell’innovazione e introdurre strategie di mercato volte a ridurre i monopoli.

E’ iniziato oggi a Pisa il FEI – Forum Energetico Internazionale realizzato da Federutility in collaborazione con Toscana Energia e con il supporto organizzativo di Cenacolo. Il primo evento italiano nel quale sono affrontati i temi dello sviluppo energetico dei prossimi anni.

La giornata di oggi è partita con la cerimonia d’apertura a cura del Presidente di Federutilty, Roberto Bazzano; sono intervenuti molti esponenti della politica locale,tra i quali Anna Rita Bramerini, Assessore all’Ambiente della Regione Toscana, AndreaPieroni, Presidente della Provincia di Pisa e Marco Filippeschi, Sindaco del Comunedi Pisa. Durante la cerimonia d’apertura Roberto Bazzano, Presidente di Federutility, ha sottolineato l’importanza di cambiare in modo strutturale le regole del sistemaenergetico, introducendo una concreta liberalizzazione del mercato, sdoganando imonopoli naturali, in prima battuta nelle distribuzione delle reti di approvvigionamento. Questo è solo il primo passo verso la creazione di un mercatorealmente competitivo, bisogna introdurre la cultura della tecnologia volta a migliorare l’efficienza e le modalità di approvvigionamento in modo da ridurre gli sprechi e i consumi, agevolando così i consumatori.

Oltre a questi interventi è fondamentale che il Governo crei una normativa in materiadi energia chiara ed univoca, realizzando delle leggi stabili che siano di sostegnoagli investimenti in questo settore, essenziali per rendere l’Italia un paesecompetitivo ed energicamente indipendente.Bisogna sviluppare e sostenere i finanziamenti nelle fonti rinnovabili, rendono piùefficace e semplice il meccanismo degli incentivi per tutti i cittadini, che decidono di investire in queste tecnologie. Roberto Bazzano evidenzia la necessità di un ristrutturazione delle reti conl’introduzione di componenti tecnologicamente più avanzate, quindi in grado digarantire maggiore efficienza, ma bisogna anche modificare anche la struttura delle reti tenendo conto dell’inserimento della produzione distribuita. Solo grazie aquesti interventi le reti possono essere trasformate in Reti Intelligenti e un primopasso in questa direzione è stato dato dalla sperimentazione dei contatori elettronici di ultima generazione.Tra i relatori di oggi: Simone Mori, Enel Corporate Regolamentazione e Ambiente, che ha sottolineato la volontà di Enel di essere un produttore di energia altamentediversificato che investe in nuovi impianti; infatti Enel ha investito 25 milioni dieuro in nuovi impianti di produzione di energia elettrica. Angelo Zaccari, Direttore Commerciale Eni Divisione Gas&Power, ha evidenziato che Eni copre circa il 20% del mercato europeo dell’energia e investe costantemente in nuove strutture, come terminal di rigassificazione e nuovi siti di stoccaggio. Angelo Ferrari, Rappresentante del gruppo per l’Italia di GDF Suez, ha sottolineato il ruolo centraledi GDF nel mercato europeo, grazie a un portafoglio altamente diversificato sia per regioni che per prodotti distribuiti.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi