Terna punta sull’efficienza della rete

Terna punta sull’efficienza della rete

L’azienda ha avviato dieci progetti per razionalizzare i collegamenti elettrici. Con un miliardo di investimenti si evita di sprecare circa 4.600 megawatt

Del risparmio ottenuto in bolletta se si sostituiscono in casa le lampadine ad incandescenza con quelle a basso consumo o se si scelgono elettrodomestici di classe A al posto di quelli energivori si sa ormai praticamente tutto. Ma cosa succede se a puntare sull’efficienza energetica è un colosso come Terna? Accade che il risultato è straordinario e si può fare a meno di costruire cinque o sei nuove centrali di grossa taglia.

La società che gestisce la rete elettrica nazionale ha presentato oggi a Roma dieci progetti in via di realizzazione che permetteranno di recuperare circa 3.500 megawatt di energia (l’equivalente di 300 milioni di kilowattora, tanti quanti ne cosumano centomila famiglie nell’arco di un anno) e di immetterne oltre mille ottenuti da fonti rinnovabili, in particolare dall’eolico, che pone problemi particolari per quanto riguarda i picchi di produzione. Un piano benedetto dal ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, intervenuto alla presentazione del pacchetto di interventi. "La ristrutturazione avviata da Terna sulla rete elettrica libera 4600 MW, più del doppio della mega centrale di Civitavecchia", ha esultato Pecoraro. E’ questa, ha aggiunto, "l’imprenditoria del sì, la cultura dell’impresa e la cultura della programmazione", che si contrappone a quella "dell’incassare". "Quando si parla di efficienza energetica – ha ricordato ancora il ministro – dobbiamo riferirci anche e soprattutto all’efficienza delle infrastrutture di trasporto dell’energia" perché "l’energia in Italia c’è, ma la bruciamo e poi la buttiamo".

A illustrare nel dettaglio i dieci progetti è stato l’amministratore delegato di Terna, Flavio Cattaneo. L’azienda, ha spiegato, "ha stanziato un investimento di un miliardo di euro per razionalizzare e sviluppare in modo compatibile con l’ambiente la rete elettrica a alta tensione in Italia". Se il tornaconto ottenuto nel campo dell’efficienza con la rimozione degli "imbottigliamenti" è il più immediato e apprezzabile, i "10 progetti per uno sviluppo sostenibile" messi in cantiere avranno anche diverse altre ricadute positive.

"Saranno eliminati cavi e tralicci in quantità tre volte superiore a quelli previsti dalle nuove infrastrutture – ha sottolineato ancora Cattaneo – 1200 chilometri di linee da smantellare a cui saranno sostituiti 450 chilometri di nuovi elettrodotti". A guadagnarne saranno quindi anche il paesaggio e l’estetica, con l’abbattimento di 4.800 tralicci per l’alta tensione, 161 dei quali in cemento armato. Materiale per oltre sessantamila tonnellate che verrà avviato al riciclo. Inoltre saranno liberati circa 4 mila ettari di territorio.

I nuovi tralicci e le nuove infrastrutture saranno messe a disposizione per altri usi, come il monitoraggio degli incendi e la diffusione della rete wi-fi, evitando quindi inutili raddoppi e sovrapposizioni. Si cercherà anche di realizzarle con il massimo dell’attenzione all’integrazione paesaggistica e allo scopo Terna ha già lanciato alcuni concorsi internazionali d’architettura per ottenere piloni e tralicci "esteticamente sostenibili".

Le regioni interessate dai progetti sono undici: Lombardia, Piemonte, Veneto, Umbria, Abruzzo, Toscana, Lazio, Campania, Basilicata, mentre il raddoppio del collegamento attraverso lo Stretto di Messina riguarda sia la Calabria, divenuta esportartice di energia, e la Sicilia. In tutti i casi, ha rivendicato Cattaneo, è stata cercata e trovata l’intesa con le amministrazioni locali adottando i criteri della Vas, la "valutazione ambientale strategica". Un risultato ottenuto – e questa è forse la più sorprendente di tutte le cifre fornite dal manager – attraverso 40 mila ore di concertazione con enti locali ed istituzioni.

E anche questo è stato un aspetto sottolineato con soddisfazione da Pecoraro Scanio. "Pianificazione e concertazione – ha osservato il ministro – sono le strade maestre da seguire per ottenere risultati importanti, esattamente il contrario di quanto stabilisce la legge obiettivo, che infatti non è riuscita a far approvare neppure l’1% dei suoi progetti".


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi