La crociata di Sgarbi contro i mulini a vento.

La crociata di Sgarbi contro i mulini a vento.

Category : Energia

Forte affermazione di Sgarbi, personalmente non so se c’è realmente la mafia dietro gli impianti eolici siciliani. Ma credo che la politica energetica di questo paese deve essere coordinata a livello nazionale e regionale e non lasciata all’iniziativa dei singoli sindaci strozzati nei Bilanci dai tagli che si susseguono nelle finanziarie degli ultimi anni.

Tratto da SiciliaInformazioni

“Dietro l’eolico c’è la mafia, la pale stuprano il paesaggio come fanno i pedofili”
Impagabile Vittorio Sgarbi. La sua visione della vita, quella di critico d’arte prestato alla politica, non può fare a meno di essere riflessa nel bel vedere. Per lui “il richiamo estetico non può essere marginale”, in ogni caso, in ogni situazione. Senza mezze misure Sgarbi. Prendere o lasciare. “Le pale eoliche? Hanno sull’ambiente lo stesso effetto violento di un pedofilo su un bambino”. La crociata del sindaco di Salemi contro i “mulini a vento” moderni che come funghi negli ultimi anni stanno spuntando un po’ su tutta l’Isola fa segnare una nuova puntata. Sgarbi ha convocato una conferenza stampa, chiamando vicino a sé niente meno che il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo, oltre che esponenti del WWF e di Italia Nostra nazionali e siciliani come Carlo Ripa Di Meana, Anna Schirò e Oreste Rutigliano e il sindaco di Gela Rosario Crocetta. Tutti dalla parte del critico d’arte, tutti tranne uno, l’assessore alla Creatività del Comune di Salemi, il noto fotografo Oliviero Toscani.

La visione di Sgarbi è quella di chi vede un paesaggio distrutto, un’immagine da cartolina che rischia di essere irrimediabilmente rovinata. “Chi vuole la salvezza delle bellezze storico-paesaggistiche della Sicilia e di tutta l’Italia, non può che avversare l’eolico. Non si può immaginare che uno strumento di 150 metri con un’elica in alto violenti e stupri una collina con una violenza che è identica a quella di un pedofilo”, ha detto il primo cittadino di Salemi. Stupro del paesaggio, ma anche puzza di affari poco leciti. Se Oreste Rutigiliano, segretario del comitato nazionale del paesaggio, parla di una lobby europea e di interessi dei grandi gruppi industriali dietro l’installazione degli impianti, Sgarbi ha denunciato la presenza di interessi illeciti di gruppi di “facilitatori”, gli intermediari tra le istituzioni e le imprese che realizzano le pale eoliche. “Una sorta di mafia- ha detto – che convince i sindaci a dare le concessioni per le pale per pochi spiccioli. C


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi